Xu Zhen nella triennale di Beaufort: Eternity – Poseidon, 2017

Tag

, ,

Xu Zhen, De Haan

bronze sculpture on granite pedestal 230 x 220 x 70 cm, plinth 60 x 130 x 70 cm
(Seawall at Prinses Josephinelaan, De Haan)

Xu Zhen (produced by MadeIn Company) – De Haan
This statue by Xu Zhen is based on the ‘Artemisian Bronze’, a statue dating back from 400 BC and found in a sunken ship at the bottom of the sea in Artemisia, off the Greek coast. Until today it is unclear whether the statue represents Poseidon, the God of the Sea, or Zeus, the God of the Sky. Xu Zhen has copied the ancient sculpture and has put several components of Beijing Duck, a Chinese specialty dish, on the arms of the statue. The Beijing Duck dish has become famous in the 14th century, when it developed into a favourite of the Chinese emperors and has since been a Chinese national symbol representing Chinese culture during diplomatic banquets.

In his sculpture, Xu Zhen mixes together two elements that are either at the root of the Western or Eastern culture. He acknowledges that in real life, there is a reluctance towards cultural exchange between China and Europe, caused by cultural prejudice and the fact that each side has its own fixed historical interpretations. Xu Zhen contemplates on the development of culture and civilisation that is based on mythology, and he states that historical interpretations are not as fixed as we often believe. The fact that we still don’t know whether this sculpture is in fact Zeus or Poseidon is just one example that attests to the fact that a change in how we understand our own culture is always possible. This work is part of a series of sculptures, mixing Eastern and Western historical artifacts, called The Eternity Series.


Torna la Triennale di Beaufort, in Belgio, con opere ispirate al mare

Sabbia, sole, onde e vento sono solo alcuni degli ingredienti che caratterizzano questa edizione della Triennale di Beaufort arrivata alla sua quarta edizione. Una sorta di ritorno alle origini, al mare, elemento primordiale, inteso non solo come spazio geografico, ma soprattutto come luogo mentale su cui si sono storicamente misurati filosofi, pensatori, artisti, intellettuali e avventurieri. Il mare è, dunque, l’elemento su cui dialogano tutti i lavori scelti dalla curatrice della Triennale Heidi Ballet (Hasselt, Belgio, 1979), con due sottotesti specifici: il ruolo del monumento nella società contemporanea e il cambiamento climatico.
… (+) http://www.artribune.com/arti-visive/arte-contemporanea/2018/04/triennale-beaufort-belgio/

 

Les Bienheureux di Sofia Djama a Milano

Tag

, , ,

Les Bienheureux di Sofia Djama. (Francia, Belgio), 2017. Opera Prima. Selezione Ufficiale Venezia 74 – Premio Orizzonti per la miglior interpretazione femminile – Lyna Khoudri; Muhr Feature Award for Best Director (Dubai).

Sinossi: Algeri, pochi anni dopo la fine della guerra civile. Amal e Samir hanno deciso di festeggiare il loro ventesimo anniversario di matrimonio in un ristorante. Durante il tragitto, si scambiano le proprie impressioni sull’Algeria: Amal parla delle illusioni perdute, mentre Samir della necessità di superarle. Nel frattempo, il loro figlio Fahim e i suoi amici Feriel e Reda si aggirano in un’Algeri ostile, pronta a rubare la loro giovinezza. 

Genere: drammatico
Durata: 102 minuti
Il film è sottotitolato in italiano.

QUANDO e DOVE :
Sabato 10 marzo 2018 alle ore 15.30 – CinéMagenta 63Institut Culturel Français nell’ambito delle Giornate della Francofonia – Ingresso con la carte de membre dell’Institut Français Milano o la Ciné-Carte. Prenotazione obbligatoria.
Per info : 
https://www.institutfrancais.it/milano/les-bienheureux

Domenica 11 marzo 2018 alle ore 17.45 – Spazio Oberdan nell’ambito del Sguardi Altrove Film Festivalche si svolgerà quest’anno dall’ 11 al 18 marzo 2018.
Per info : 
Tel: 0283982421

 

da Adelphi, Marie aspetta Marie

libri, consigli e pensieri

Marie ama profondamente e senza dubbi il marito, ma durante una vacanza in Costa Azzurra il desiderio reclama i suoi diritti, prendendo le forme di un ragazzo di vent’anni. E quel pezzo di carta con scritto sopra il suo numero di telefono non lo getterà via.

Una trama apparentemente banale,ma, considerando che il libro ci arriva dal 1940, pubblicato in Belgio per la prima volta nel 1943, le prospettive cambiano .Poi, ci si accorge di una prosa magnifica, potente ed evocativa dei sentimenti e dei luoghi: Madeleine Bordouxhe dona intensa voce ad una protagonista luminosa, capace di percorrere la strada più pericolosa per conoscere se stessa. Davvero, una splendida riscoperta letteraria, ancora una volta esclamiamo:grazie Adelphi !

Consigliato!

https://www.adelphi.it/libro/9788845932458

Madeleine Bourdouxhe,

Marie aspetta Marie, Adelphi

Traduzione di Graziella Cillario

Con una Nota di Faith Evans

Chi ha letto La donna di Gilles sa che non c’è un’altra scrittrice capace come…

View original post 252 altre parole

Un étudiant belge brigue le record du monde de livraison par drone

Tag

,

Un étudiant de troisième année en aéronautique souhaite réaliser en septembre le plus long vol de drone avec livraison de cargaison au monde. Pour ce faire, il va transporter un paquet de pépites de chocolat sur une distance de 70 à 75 kilomètres.

Delair-Tech DT18 © .

À l’heure actuelle, le record du plus long vol de drone avec colis est établi à 15 kilomètres. Yordi Verbeeren, 19 ans, espère faire mieux fin septembre. C’est à Coxyde qu’il fera décoller un drone qui devra ensuite parcourir 70 à 75 kilomètres avant de livrer son colis.

“Nous décollerons de la plage, puis nous survolerons la mer sur 25 kilomètres avant de dessiner une grande courbe et de revenir vers le rivage”, a expliqué Yordi Verbeeren à Data News. “Au départ, nous visions une distance de 40 à 45 kilomètres, mais grâce aux adaptations que nous avons apportées à l’appareil, nous pourrons franchir 70 à 75 kilomètres.”

Le choix d’effectuer une grande boucle au-dessus de la mer est surtout guidé par la réglementation. “La Belgique compte de nombreuses zones interdites aux drones. Il est donc plus pratique de voler au-dessus de la mer.”

Un projet 100 % belge Si le projet de Yordi Verbeeren ne s’inscrit pas dans le cadre de sa formation, il travaille néanmoins en étroite collaboration avec Rob De Roo, chargé de cours et chercheur à la haute école VIVES qu’il fréquente.

On peut d’ailleurs vraiment parler d’un projet 100 % belge. Ainsi, les pépites de chocolat qui seront transportées sont fournies par le magasin de bonbons Zoet à Londerzeel. Le drone est un modèle DT18 fabriqué par Delair-Tech, une entreprise de Gand, et le colis sera livré pour une fontaine à chocolat de Krëfel, qui est aussi le sponsor principal du projet.

Le poids que le drone transportera précisément dépendra des modules qui seront ajoutés à l’engin. Un premier vol d’essai aura lieu le 11 septembre. Le record du monde proprement dit se passera aux alentours du 25 septembre. “Le vent ne pose pas vraiment problème. Par contre, la pluie et l’électronique ne font pas bon ménage. Nous nous laissons donc une marge de quelques jours pour bénéficier de conditions météorologiques optimales”, conclut Yordi Verbeeren

Hi Belgium Pass promuove il Belgio nel resto d’Europa

Tag

,

Con Hi Belgium Pass, programmare un viaggio in Belgio nel fine settimana diventa un gioco da ragazzi. A soli 149 euro, potrete raggiungere l’aeroporto di Bruxelles con Brussels Airlines da 50 diversi aeroporti in 18 paesi, usufruire di corse illimitate in treno e ottenere l’accesso a numerose attrazioni e musei in 2 città belghe a scelta. L’unica cosa che resta da fare è scegliere le due città belghe da visitare durante il fine settimana.

Bruxelles 21 aprile 2017 – Brussels Airlines, l’aeroporto di Bruxelles, le ferrovie belghe e diversi uffici turistici insieme a importanti attrazioni hanno unito le forze per creare un prodotto unico per promuovere il Belgio nel resto d’Europa. Hi Belgium Pass dà ai turisti un facile accesso alle meraviglie che il Belgio ha da offrire. Il Pass include un volo di andata e ritorno a Bruxelles, viaggi in treno illimitati all‘interno del Belgio e accesso gratuito a musei e altre attrazioni a soli 149 euro.

Lo stile di vita borgognone, una storia affascinante e multiforme, splendide città d’arte, design contemporaneo, festival estivi, birre di fama mondiale,…L’offerta culinaria e culturale del Belgio, insieme alle sue dimensioni compatte, lo rendono una destinazione ideale per un weekend. Ciononostante, i sondaggi mostrano che il Belgio non ha la reputazione turistica che merita. Cambiare questo grazie a Hi Belgium Pass è l’obiettivo dichiarato dei diversi uffici turistici e organizzazioni che l’hanno promosso.

Con Hi Belgium Pass, programmare un viaggio in Belgio nel fine settimana diventa un gioco da ragazzi. A soli 149 euro, potrete raggiungere l’aeroporto di Bruxelles con Brussels Airlines da 50 diversi aeroporti in 18 paesi, usufruire di corse illimitate in treno e ottenere l’accesso a numerose attrazioni e musei in 2 città belghe a scelta. L’unica cosa che resta da fare è scegliere le due città belghe da visitare durante il fine settimana.

Le città che partecipano all’iniziativa sono Bruxelles, Bruges, Anversa, Liegi, Gent, Mechelen e Lovanio. Nel prossimo futuro, altre città si uniranno all’iniziativa per offrire una scelta ancora più ampia.

L’unica condizione per viaggiare con Hi Belgium Pass è partire nei giorni di giovedì, venerdì o sabato e tornare di domenica, lunedì o martedì. L’offerta è valida tutto l’anno. Il pass è disponibile per i viaggiatori provenienti da Germania, Danimarca, Francia, Grecia, Ungheria, Italia, Croazia, Lituania, Norvegia, Austria, Polonia, Portogallo, Russia, Spagna, Repubblica Ceca, Svezia, Svizzera e Regno Unito. Hi Belgium Pass può essere prenotato tramite brusselsairlines.com.

Hi Belgium Pass è un’iniziativa di Brussels Airlines, insieme all’Aeroporto di Bruxelles, Ferrovie Belghe, diversi uffici di promozione turistica (Toerisme Vlaanderen, Visit Brussels, Belgique-Wallonie, Brussels Museum Council) e le città di Bruxelles, Bruges, Gent, Anversa, Lovanio, Liegi e Mechelen.

È la prima volta che così tanti operatori turistici in Belgio collaborano insieme per promuovere il loro paese all’estero offrendo un’ efficace formula di viaggio .

“Con Hi Belgium Pass abbiamo messo il Belgio al centro della mappa più che mai”, dice il CEO di Brussels Airlines Bernard Gustin. “Viaggiare in Belgio non è mai stato così vantaggioso come ora. Hi Belgium Pass è molto interessante anche per i tanti cittadini europei che hanno familiari in Belgio o per i belgi che vivono all’estero e vogliono offrire un week-end ai loro amici e famiglie.”

Bernard Gustin, CEO di Brussels Airlines