Tag

, , , , , , , , , , ,

P1040179

In fatti alla fine di una conferenza stampa molto affollata, prova del interesse mediatico per questo tema, si è potuto degustare diversi piatti:

  • Due tapenade dell’azienda “GREEN KOW” carote y pomodoro con Tenebrio Molitor (vermi di farina)

10334365_321140374705295_5895708995127149512_n

  • Pasta dell’azienda ALDENTO con 10% di farina di Tenebrio Molitor.

DSC_0311_Mod-01_Web

Come potete constatarlo, praticamente non si vedono gli insetti in questi piatti almeno che siano aggiunti a titolo decorativo come se fossero parmigiano o prezzemolo. Lo vediamo nella foto di apertura di questo articolo.

Nella nostra europa non credo che questo sia un fattore che rende più attrattivo la pietanza, mentre in altri continente questo tipo de cibo forma già parte della gastronomia locale senza che provochi alcuno tipo di disgusto. Il problema è soltanto psicologico, quindi è più facile introdurre questo tipo di proteina a traverso il mangime utilizzato per nutrire gli animali commestibili o, come ce l’hanno presentato in questa degustazione, integrato parzialmente nel nostro cibo abituale, come la pasta, i sughi, le marmellate o per esempio il cioccolato in pasta. Non alterano assolutamente il gusto, ansi lo migliorano.

Pasta di cioccolato

La produzione di proteina a costo contenuto in quantità sufficiente per nutrire nostra planeta en la quale non solo crescono le popolazione però anche la richiesta di proteina quando si sviluppano, è un problema enorme che va affrontato il più presto possibile, ci illustrano i partecipanti alla conferenza.

In Italia, como en la maggior parte dei paesi europei, mancano le normative. Cécile Flagothier, responsabile per la Regione Vallonia ci ha contato le difficoltà amministrative enorme che ha riscontrato per organizzare la degustazione alla quale stiamo partecipando.

Il Belgio sta già a un stadio normativo avanzato, che ha permesso il sviluppo di attività commerciali e industriali in questo settore. È sicuramente una opportunità a cogliere anche per l’Italia, sede della FAO.

Conferenza insetti